Gli sforzi combinati di AR e VR insieme all'incubatore Area 120 formano i nuovi Google Labs

Aggiornamenti

Sperimentare Google è stato a lungo un pioniere nella tecnologia all'avanguardia e ci riprova con il suo nuovo esperimento di Google Labs. Il team sta combinando gli sforzi di AR e VR con l'incubatore Area 120 per creare qualcosa di veramente innovativo. Questo potrebbe essere importante per il futuro dell'intrattenimento e dei giochi.

Google Labs ha prodotto alcune delle più grandi innovazioni per il gigante della tecnologia, tra cui Maps, Reader, Trends, Alerts, Sheets e Groups, tra gli altri. Nel 2011, esso chiuso il marchio , con l'idea che stesse dando la priorità ai suoi sforzi sui prodotti, secondo Bill Coughran, all'epoca vicepresidente senior della ricerca e dell'infrastruttura di sistema.

Ora, sembrerebbe che il cerchio sia tornato al punto di partenza e Google stia razionalizzando ancora una volta le sue offerte combinando i suoi sforzi AR e VR, Project Starline e persino il suo incubatore interno, Area 120, in un nuovo marchio. Riesci a indovinare qual è il nuovo nome del marchio? Perché, è Google Labs, ovviamente! Il rapporto arriva via TechCrunch che ha confermato queste informazioni direttamente a Google, anche se la società non aveva ancora annunciato nulla pubblicamente.

Per ora, l'originale ufficiale Sito web di Google Labs è ancora un vicolo cieco da quando è stato chiuso e il nuovo marchio Labs non sarà rivolto al consumatore come il suo predecessore, quindi è probabile che assuma un'altra forma in azienda. Oltre ai progetti di realtà aumentata e realtà virtuale a cui sta pensando, la cabina di videochiamata 3D a grandezza naturale di Google (Starline) e la propaggine nota come Area 120 che è responsabile di portarti Tabelle , ThreadIt , pila , Muselettera , Snack di gioco , e anche il lontano ma reincarnato Rivetto app di lettura per bambini.

I nuovi Google Labs saranno guidati da un certo Clay Bavor, un googler che ha lavorato a lungo su Starline. Sarà responsabile della supervisione del successo di alto livello di ciascuno di questi progetti di laboratorio e, a quanto pare, riporterà direttamente al CEO di Google e Alphabet, Sundar Pichai.

Clay ha assunto un ruolo più ampio. Il suo lavoro si concentrerà su progetti tecnologici a lungo termine che supportano direttamente i nostri prodotti e attività principali,

Portavoce di Google a TechCrunch

Tutto questo per affermare che Google vuole chiaramente realizzare correttamente AR e VR e ha un'idea di come innovare in questi spazi a un livello che non è stato ancora tentato. È chiaro che non stanno solo saltando nel mix e copiando tutti gli altri, soprattutto perché è stato colpevole di averlo fatto in passato con cose come Daydream. Sono entusiasta di vedere cosa producono e, per estensione, come si evolvono i miei progetti preferiti di Area 120 con una gestione più mirata!